Cunsolo Francesca

Ricercatori e Tecnologi

Seleziona un contatto:
Primo Ricercatore
Email:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono:
+39 0957338333
Fax:
+39 0957338310
Invia un'email. Tutti i campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Altre informazioni:
Studi e formazione professionale
Francesca Cunsolo lavora presso l’Istituto di Chimica Biomolecolare dal 1988 e dal 2001 riveste la qualifica 1° Ricercatore. Nel 1983 ha conseguito la laurea in Chimica ad indirizzo Organico Biologico presso l'Università degli Studi di Catania, con voti 110/110 e lode, discutendo una tesi sperimentale dal titolo: “Oxoalgerienolo ed oxoalgeriendiolo: due nuovi metaboliti dall’alga bruna Cystoseira Algeriensis”. Nello stesso anno si è abilitata all'esercizio della professione. Dal settembre 1986 al novembre 1988 è stata vincitrice di due borse di studio annuali del Consiglio Nazionale delle Ricerche delle quali ha usufruito presso l’Istituto per lo Studio delle Sostanze Naturali di Interesse Alimentare e Chimico Farmaceutico. Nel periodo agosto-settembre 2001, grazie ad un finanziamento CNR per il Programma Short-Term Mobility, ha frequentato i laboratori della Yale University, New Haven, Connecticut, USA, diretti dal Prof. A. D. Hamilton collaborando a progetti di ricerca sulla sintesi di nuovi recettori di superficie per biomacromolecole. Nel bimestre Marzo-Aprile 2002, vincitrice di una borsa di studio CNR-NATO Senior (bando n. 217.33 del 01-12 2000), ha proseguito il lavoro precedentemente iniziato presso l’Università di Yale, CT-USA, coordinato dal Prof. A. D. Hamilton.
 
Attività di ricerca
Chimica delle sostanze naturali
La prima fase dell’attività di ricerca, iniziata durante il periodo di tesi e proseguita fino al 1993, ha riguardato la chimica delle sostanze naturali, con particolare attenzione all’isolamento e alla caratterizzazione strutturale di metaboliti secondari da alghe brune del genere Cystoisera. Durante questo periodo sono stati analizzati gli estratti lipofilici di numerose specie di alghe appartenenti a questo genere che hanno portato all’isolamento di un gran numero di metaboliti a biogenesi mista (acetato–mevalonato), in particolare tetrapreniltoluchinoli  con catena diterpenica variamente funzionalizzata e ciclizzata. Questa grande varietà strutturale ha permesso di formulare delle ipotesi biogenetiche, verificate in parte anche in vitro, che spiegano la formazione di composti variamente ciclizzati attraverso successive condensazioni aldoliche intramolecolari.
Chimica supramolecolare
Dal 1994 ad oggi si occupa di chimica supramolecolare con particolare attenzione alla chimica dei calixareni.
La ricerca condotta nei primi dieci anni di attività in questo campo ha riguardato principalmente lo studio del chimismo e della preorganizzazione tridimensionale del macrociclo calix[8]arene insieme alla sintesi di recettori calixarenici omoditopici.
 
Negli ultimi anni sono state progettate e sintetizzate delle molecole a base calixarenica con potenziali applicazioni in campo bioorganico e biomedico.In questo ambito sono stati sintetizzati e studiati polieletroliti amminoacidici del calix[8]arene che hanno mostrato attività come inibitori di enzimi coinvolti in processi infiammatori. La figura esemplifica il meccanismo di inibizione che il recettore calixarenico potrebbe compiere sull’enzima tetramerico triptasi, coinvolto in numerosi processi infiammatori responsabili di molte malattie croniche.
 
Le stesse molecole hanno rivelato una eccezionale attività di riconoscimento e neutralizzazione nei confronti dell’eparina, un polisaccaride solfonato coinvolto nei processi di coagulazione del sangue. La possibilità di sfruttare le proprietà di neutralizzazione mostrate da queste molecole, ci ha portato a sviluppare dei materiali polimerici con adeguata porosità, che opportunamente funzionalizzati, potrebbero essere impiegati nella progettazione e realizzazione di dispositivi filtranti utili nelle pratiche di emodialisi.
 
I risultati più recenti riguardano la sintesi di polielettroliti amminoacidici del calix[8]arene che hanno la proprietà, al variare del pH, di assemblare e formare idrogeli. L’mpiego di queste molecole nel drug delivery per migliorare la solubilità e la biodisponibilità di principi attivi utili in oftalmologia sono al momento in fase di studio.
La nostra ricerca attualmente prosegue nello sviluppo di tre tematiche principali:
Sintesi di nuovi polielettroliti tridimensionali e studio dei fenomemi di self assembly supramolecolare, con l’obiettivo di generare strutture nanoassemblate (micelle, fibre, vescicole, gel) utili nel drug e/o gene delivery.
Sintesi di materiali porosi, in particolare criogel biocompatibili, opportunamente funzionalizzati per favorire l’adesione di fattori di crescita e consentire lo sviluppo di linee cellulari. Questo lavoro si propone l’obiettivo di ottenere e studiare le potenzialità di nuovi materiali per la rigenerazione tissutale.
Sintesi di un targeted nanocarrier calixarenico fluorescente. L’obiettivo di questa ricerca, svolta in collaborazione con il Dipartimento di Farmacologia dell’Università di Catania, è quello di progettare e sintetizzare un targeted nanaocarrier, in grado di facilitare l’attraversamento della barriera ematoencefalica, per il trasporto ed il rilascio di un anticorpo capace di bloccare la citochina pro-apoptotica TRAIL coinvolta nei processi neurodegenerativi della malattia di Alzheimer.
 
 
Responsabilità e incarichi
ha fatto parte del Consiglio Scientifico dell'ISSN-CNR in qualità di rappresentante del personale
dal 1999 al 2003 è stata responsabile del reparto “Chimica dei Composti Macrociclici” dell'ISSN-CNR.
dal 2006 al 2010 è stata responsabile del Modulo di attività: “Design e studio di molecole capaci di espletare riconoscimento molecolare per applicazioni biomediche” Dipartimento: Progettazione Molecolare; Progetto: Progettazione di nuove molecole con specifiche proprietà biochimiche; Commessa: Studi molecolari e valorizzazione di risorse per il settore biomedico.
nel 2009 è stata nominata Preposto alla Linea di ricerca: Macrocicli e Riconoscimento Molecolare.
dal 2011 è responsabile del Modulo di attività “Sintesi di polielettroliti per la creazione di nanobio-devices pH-sensitive”; Dipartimento: Progettazione Molecolare; Progetto: Progettazione di nuove molecole con specifiche proprietà biochimiche; Commessa: Design e sintesi di strutture multifunzionali per la preparazione di molecular carriers”.
 
Partecipazione e responsabilità di progetti
dal 2003 al 2007 è stata responsabile scientifico della quota di ricerca del Progetto “Disegno e caratterizzazione di immunoconiugati specifici per la diagnosi rapida ed efficace delle infezioni oculari da herpes simplex” di titolarità della S.I.F.I. – Società Industria Farmaceutica Italiana S.p.A., nell’ambito del Programma Operativo Nazionale, Regioni Ob.1 “Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione” 2000-2006.
ha partecipato al Progetto di ricerca: “Prodotti a base di succhi di agrumi con particolare riferimento al succo di arancia pigmentata. Stabilizzazione dei processi ossidativi mediante sistemi naturali” nell’ambito del Programma Operativo Nazionale , Regioni Ob.1 “Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione” 2000-2006 ed al “Programma di addestramento mirato alla valorizzazione dei prodotti tipici con requisiti di qualità” dal 2000 al 2006.
da Novembre 2011 partecipa al progetto di ricerca “Una piattaforma tecnologica integrata per lo sviluppo di nuovi farmaci per malattie rare” presentato a valere sul Bando MIUR del 18 Gennaio 2010 nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013, coordinato dalla ditta Dompè.
da Luglio 2012 partecipa al progetto PON_02_00355_2964193 Sviluppo di micro e nano-tecnologie e sistemi avanzati per la salute dell’uomo-Hippocrates. CUP: B61C12000920005.
 
Partecipazione a commissioni e referaggi
è stata più volte membro di commissione per il conferimento di contratti di prestazione d’opera ed assegni di ricerca.
dal 2008 fa parte del panel di esperti stranieri che la French National Research Agency (ANR) ha selezionato per la valutazione di progetti di ricerca, per la quale ha eseguito la valutazione di due progetti. 
 
 
Didattica e formazione
è stata correlatrice di diverse tesi sperimentali per i corsi di Laurea in Chimica e Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Catania.
ha svolto attività didattica in progetti di formazione nazionali
nell’anno accademico 2010-2011 è stata titolare di una docenza a contratto per la cattedra di “Principi di Chimica Organica” presso la Facoltà di Farmacia – Corso di laurea in Scienze Erboristiche dell’Università degli Studi di Catania.
 
Attività editoriali
  • è coautrice di 50 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali, di un capitolo in un libro multiautore, di presentazioni a convegni internazionali e nazionali e di un brevetto.
 

 

 
 
 
 
 

NOTA! Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti. Cliccando su agree o scorrendo questa pagina e/o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information